QUANDO UNA RIVISTA TI CAMBIA LA VITA

La scrittura: la mia prima ancora di salvezza

Sin dalle elementari ho trovato nella scrittura la mia ancora di salvezza, l’isola felice sulla quale approdavo quando arrivava il momento del tema in classe di italiano. Per me era il momento in cui, china sul foglio e con solo una penna in mano, potevo far correre i pensieri, le idee, i sogni, tutto quello che-terminate le ore di verifica-non riuscivo ad esprimere.

Mi piaceva anche leggere, indubbiamente, ma non mi faceva provare le stesse emozioni della scrittura. Questo fino a quando non ho scoperto una rivista, Glamour Italia, che ha scosso il mio mondo, quello che ero o pensavo di essere, ma soprattutto quello che volevo diventare.

Sì, il bullismo ha segnato quella che sono

Il bullismo, ahimè, non è solo fisico, ma anche verbale e, forse, fa anche più male. Si annida dentro di te, si nutre delle cattiverie che ti vengono dette e fatte e, quando giunge a maturazione, sboccia, ma non come fanno i fiori, piuttosto esplode, come una granata.

Alle elementari avevo un soprannome che oggi, a distanza di molti, moltissimi anni, mi fa quasi sorridere; mi chiamavano il “piccolo Buddha”, perché non ero proprio esile e i bambini non capivano che era questione di ossatura.

Così ho iniziato ad incassare, in silenzio, fino a quando alle superiori il desiderio di essere magra non ha avuto il sopravvento. Ringrazio l’amore di una persona per avermi salvata prima di mettere il piede nelle sabbie mobili.

La voglia di esprimermi senza però sapere come

Sono nata in una città un po’ bigotta, a tratti molto selettiva e caratterizzata sempre dalle stesse dinamiche, delle dinamiche che dividono le persone in due categorie: “in” e “out”; fato ha voluto che io rientrassi nella seconda. Ma sapevo che dentro di me c’era molto di più di questa etichetta che mi avevano, o forse che mi ero, incollata addosso, e, scoperto quello che davvero mi piaceva, ovvero la moda, ho iniziato a distaccarmene.

Una rivista nascosta sotto i libri

C’era chi sotto i libri di scuola durante le lezioni nascondeva il cellulare e chi, invece, la rivista di Glamour Italia. Le davo una prima e superficiale lettura e poi, armata di penna ed evidenziatore, la studiavo letteralmente: mi appuntavo francesismi e anglicismi che non conoscevo per poi cercarli in Internet, studiavo cosa andava di moda e cosa invece era passato, e inconsapevolmente davo forma al mio stile, quello che vedete in queste foto e sui social, che vi piace definire “elegante”, “distinguibile”, “da principessa” e, a volte, “da attrice”. Ed è stato così che, davanti alle vetrine, mi ritrovavo ad esclamare: “Quel peep toe non mi fa impazzire” oppure “Adoro come le ruche vivacizzano quella camicetta un po’ scontata”.

Così mia sorella ogni Natale mi regalava l’abbonamento annuale alla rivista, che puntuale come un orologio svizzero veniva recapitata al mio indirizzo. Lo scartare la pellicola era sempre un’emozione e guai a chi si permetteva di metterci sopra le mani prima che lo facessi io! Per me era la Bibbia!

La triennale a Pisa, l’avvento dei social network e la svolta definitiva

Dopo un diploma di ragioneria tedesca e un anno sabbatico in Inghilterra come au-pair mi sono trasferita a Pisa, dove mi sono laureata in Spettacolo e Comunicazione. In quella città è iniziata la mia avventura di blogger, sostenuta da amici che ancora oggi sono tra i miei più fedeli fan. Una foto sgranata sulle scale di casa prima di andare a lezione, un’altra dopo una giornata di aula studio, un’altra ancora davanti allo specchio e tutto ha preso forma.

Il mio trampolino di lancio è stato Facebook, dove sulla mia pagina pubblicavo quello che indossavo e, saltuariamente, qualche consiglio su possibili acquisti. Chi lo avrebbe mai detto che, qualcosa iniziato per gioco, sarebbe diventato la mia rivincita, la riscoperta di me stessa?

Tutto questo e molto altro vi è dietro le foto che vedete, che non hanno niente a che fare con l’egocentrismo o la vanità. Sono frutto di sofferenze passate, di città vissute, di persone conosciute, ma anche di un’ambizione e di un sogno che mi hanno resa quello che sono e che, purtroppo, hanno allontanato persone amate, persone che però voglio ringraziare perché hanno creduto in me, mi hanno fatto sentire bella, forte e immensamente amata.

Non lasciate mai che la paura o la tristezza prendano il sopravvento, individuate quello a cui volete dedicare voi stesse (non tutte che sennò poi vi ritrovate zitelle come me!) e combattete per questo. Fate dell’ambizione il vostro biglietto da visita, dell’umiltà il vostro tratto distintivo e delle persone care l’arma vincente.

Baci,

Arianna

Ringrazio il grandissimo Carlo Campi Fashion prospects per le foto.

COSA INDOSSO/WHAT I WEAR:

Abito/Dress: H&M

Scarpe/Shoes: Asos

Borsa/Bag: Kontessa

Occhiali da sole/Sunglasses: Dolce & Gabbana

Accessori/Accessories: H&M

37 commenti

  1. innanzitutto complimenti per il look lo adoro e ti dona molto, per quanto riguarda sofferenze psicologiche e non solo potrei scrivere un libro sono stata vittima di bullismo pesante conservo ancora l’articolo del quotidiano locale, che parlava di ciò che sono stata costretta a subire per anni anche grazie ai professori. Adesso sono forte, i miei genitori mi hanno aiutata quando stavo più male ed ormai avevo toccato il fondo. Ci sono voluti anni prima che mi riprendessi, anche se rimane come una ferita dentro l’anima, ma adesso posso urlare di essere una sopravvissuta, che il male subito mi ha rafforzato il carattere. Non mi è piaciuto il vanto che ha fatto una nostra collega che sinceramente a mio parere ha voluto cavalcare solo l’onda per farsi pubblicità nel modo più orribile. Ma questo è un altro discorso
    Un bacione gioia
    http://www.bellezzapourfemme.eu

    1. nalinariannaandrea@yahoo.it dice: Rispondi

      Si vede che, come me, hai attraversato momenti difficili, ma per fortuna appartengono al passato. Io ne ho voluto parlare per sfatare uno dei tanti miti intorno alle fashion blogger, ovvero quello secondo cui per loro sia sempre tutto rose e fiori.
      Grazie per essere passata da me <3

  2. stai benissimo, mi piace molto questo abito. Che belle le foto
    http://www.alessandrastyle.com

    1. nalinariannaandrea@yahoo.it dice: Rispondi

      Ti ringrazio tantissimo Alessandra!

  3. Margot “Dicolamia” Recensioni dice: Rispondi

    Un post davvero meraviglioso che lancia un messaggio importante, bravissima!!!!

    1. nalinariannaandrea@yahoo.it dice: Rispondi

      Grazie Margot! Ho voluto lanciarlo senza cadere nel vittimismo e spero tanto di esserci riuscita.

  4. followup19 dice: Rispondi

    Arianna bellissimo articolo, la tua introspezione sottopelle mi è piaciuta moltissimo. Non c’è vittimismo nelle tue parole nel modo più assoluto, sono solo la descrizione di un fiore che negli anni è sbocciato forte e colorato, nonostante le avversità della vita e soprattutto dell’adolescenza, le più difficili e dolorose, ma quelle che forgiano il nostro carattere e la nostra personalità. Abito e foto perfette per l’articolo. Un abbraccio. Maiko

    1. nalinariannaandrea@yahoo.it dice: Rispondi

      Grazie di queste bellissime parole amica mia. Sai, ci ho pensato molto prima di scrivere questo articolo, volevo che fosse parte della mia essenza, anche perché era giunto il momento di farlo. Un grosso abbraccio!!!

  5. Ti capisco benissimo! Per me la voglia di mettermi leggermente a nudo è scattata all’inizio del mio percorso, forse perché ero ingabbiato da troppo tempo. L’ho fatto attraverso degli scatti che potevano essere capiti o meno, ma io quando mi sono rivista in queste foto…mi sono commossa, liberata, e poi rinata! Quindi ha fatto più bene a me, che altro!!! E’ stata una vera terapia…e tu hai fatto benissimo a pubblicarlo perché è davvero bello e magico. Tanti baci amica. Maiko Gordani

    1. nalinariannaandrea@yahoo.it dice: Rispondi

      Anche io ho utilizzato la fotografia per uscire da una gabbia, rivelandosi poi terapeutica!

      1. Assolutamente si…meglio per alcuni versi alla psicoanalisi!

  6. Ari che bell’articolo! Mi dispiace per le brutte esperienze passate, sei una donna forte e pensa che tutto quello che hai attraversato ti ha resa quello che sei ora, devi esserne orgogliosa! Ti abbraccio! :-*

    1. nalinariannaandrea@yahoo.it dice: Rispondi

      Alla fine, guardandomi indietro, qualcosa di buono ne è uscito. Grazie per essere passata <3

  7. Il bullismo è qualcosa che lo si riconosce a distanza anche di anni. Io l’ho subito e non mi vergogno di dire che i miei problemi di sicurezza a livello fisico che ancora oggi un po’ mi contraddistinguono ne sono il frutto.
    Ho passato anni a nascondermi il viso anche per chiedere un caffè al bar. Con gli anni ho fortificato l’anima ed è una gran difesa.
    Bacio
    Lalu

    1. nalinariannaandrea@yahoo.it dice: Rispondi

      L’importante è andare avanti senza dimenticare come questo ci ha forgiate, rendendoci forti ma anche sensibili. Un abbraccio

  8. Adoro il tuo look! Sei stupenda!
    Mi dispiace tanto sentire del tuo passato. Per fortuna questi ricordi fanno parte del passato!
    Ti auguro un fantastico mercoledì!
    Un abbraccio
    Dili
    Nuovo post: http://www.milanotime.net/dress-sexy-with-rosegal/

    1. nalinariannaandrea@yahoo.it dice: Rispondi

      Se devo essere sincera, quello che ho passato mi ha aiutata ad essere più forte, meno sensibile verso le cattiverie. Buon mercoledì e benvenuta!!!

  9. Io adoro Glamour! L’abito è magnifico ed è superfluo dire che ti sta d’incanto!
    Volevo invece soffermarmi sulla parte del bullismo, sai mi ha fatto riflettere molto…intendo, spesso ci soffermiamo alla superficie delle cose, senza scavare nel profondo prima di giudicare!
    Sono ocnvinta che anche i momenti più duri servano, ad essere più tenaci e ad affrontare con più coraggio quello che verrà!

    1. nalinariannaandrea@yahoo.it dice: Rispondi

      Io sono la prima che, a volte, si ferma alla superficie, ma cerco giorno dopo giorno di diventare una persona migliore. Buon week end!!!

  10. L’abito è davvero stupendo!! <3

    1. nalinariannaandrea@yahoo.it dice: Rispondi

      Ti ringrazio!!! Lo sto sfruttando tantissimo

  11. E’ davvero difficile, mettersi tanto a nudo così pubblicamente, l’ho apprezzato tanto. Non è facile ma il luogo comune recita: ‘Quello che non uccide fortifica.’ Continua così, forte e introspettiva. Ps: e regalami quelle scarpe. Bacini.

    1. nalinariannaandrea@yahoo.it dice: Rispondi

      Ti ringrazio. In effetti sono stata a lungo titubante, ma volevo mostrare come dietro ad un blog di moda apparentemente superficiale vi sia comunque una persona reale con sentimenti. Ps: se vai su Asos trovi sempre delle “chicche” 😉

  12. Che bella storia… sento così di conoscerti un po’ meglio! Mi piace come scrivi e senza dubbio quello che ti è successo nella vita è una cosa molto positiva. Spero anche io di trovare la mia strada come blogger 😉

    1. nalinariannaandrea@yahoo.it dice: Rispondi

      Secondo me la troverai. Ho letto il tuo articolo tutto d’un fiato e appena la mia spazzola smetterà di funzionare penso che proverò la tua.

  13. P.S.: la intendo come positiva perché tutto ciò che accade, succede per una ragione e se sei qua a parlarne significa solo che tutto ciò ti ha resa forte, e non è assolutamente una cosa da sottovalutare.

    1. nalinariannaandrea@yahoo.it dice: Rispondi

      Esattamente. Concordo in pieno! Buon week end e benvenuta ❤️

  14. Sono davvero commossa dalle tue parole. Il bullismo è uno dei mali più brutti a questo mondo e mi dispiace molto. Sono molto felice di sentirti così “viva”, continua a seguire le tue passioni! Adoro quest’outfit, sei stupenda <3

    1. nalinariannaandrea@yahoo.it dice: Rispondi

      Grazie mille!!! Penso ve ne siano di diverse forme e oggi, coi social, ne stiamo vivendo l’apice. Buon week end cara😘

  15. Il passato e gli avvenimenti negativi fanno parte di noi, ci costruiscono e senza questi non saremmo chi siamo oggi. Si vede che la moda è parte di te. Buona fortuna per il futuro :*

    1. nalinariannaandrea@yahoo.it dice: Rispondi

      Grazie mille. Mi fa piacere che traspaia😘

  16. Ho letto l’articolo attentamente parola per parola e devo dire che hai lanciato un giusto messaggio! Insegui sempre i tuoi sogni, mi raccomando :*

    1. nalinariannaandrea@yahoo.it dice: Rispondi

      Mai arrendersi!!! Grazie per il tuo commento 😘

  17. Ciò che abbiamo vissuto ci rende quello che siamo, anche le cose negative ci permettono di diventare chi dobbiamo esssere! Complimenti davvero per aver trovato la tua strada, sei molto bella e brava!

    1. nalinariannaandrea@yahoo.it dice: Rispondi

      Ci ho messo anni e poi l’ho trovato e ora, a percorrerla, mi sento un’altra persona!!!

  18. Ho letto con molto interesse… mi complimento per tutto e mi spiace che tu abbia dovuto subire il bullismo.. che fa molto molto male

    1. nalinariannaandrea@yahoo.it dice: Rispondi

      Fa male ma ti rende forte e sensibile, in qualche modo, inverosimilmente, una persona migliore!

Grazie in anticipo per il tuo commento <3