UNA T-SHIRT PERSONALIZZATA E UN VHS PER POCHETTE

Fashion is like a cup of coffee in the morning: you can’t live without it.

Le parole mi sono sempre piaciute, soprattutto se scritte in maniera articolata e portatrici di verità, delle verità a volte così esplicite da non riuscire a individuarle se non con l’aiuto delle parole stesse.
Ecco perché gli esami di estetica mi sono sempre piaciuti: mi tenevano incollata alle pagine fino al momento in cui il significato delle parole non si dischiudeva ai miei occhi. L’ultima volta mi è successo con l’esame di “Writing for Fashion”, quando per la seconda volta mi sono incontrata e scontrata con Roland Barthes e Saussure e con la loro distinzione tra “langue” e “parole”, quest’ultima intesa come declinazione personale della prima.
Ho quindi voluto, partendo da una riflessione un po’ contorta, creare la mia prima, e forse unica, T-shirt personalizzata, che mettesse nero su bianco la mia interpretazione di “parole” riferita al sistema “moda”, ovvero alla “langue”.
Non è facile comunicare una passione ed è ancora più difficile quando lo si fa in un mercato saturo e con dei mezzi limitati, ma più leggo libri di moda più mi rendo conto che a determinare il successo di una persona e delle sue scelte sono, più che i mezzi, la passione e l’umiltà.
Essere umili non significa farsi mettere i piedi in testa o farsi sfruttare, bensì riconoscere i propri limiti e cercare di superarli, chiedendo esplicitamente aiuto o magari imparando in silenzio da chi ne sa di più; significa anche rispettare le altre persone, non deriderle se ne sanno di più o di meno, e mettersi sempre a disposizione per una causa comune, perché per me l’unione fa la forza, e penso anche per Carlo Campi di Fashion prospects, con cui ho iniziato una collaborazione da sogno.
Il bello di questo outfit, oltre al suo essere low cost, è che stato realizzato da me in due sue parti: la T-shirt, realizzata divertendomi su Vistaprint, e la clutch, frutto di una giornata di DIY con mia mamma. Quest’ultima non è altro che la custodia di un vecchio VHS rivestita, utilizzando la colla a caldo, con della stoffa e dei nastri, come quello che fa da chiusura e su cui ho cucito, con non poca fatica, una spilla. Logico, non è perfetta, ma fa la sua figura!!!
Fatemi sapere cosa ne pensate!!!
Baci,
Arianna
COSA INDOSSO/WHAT I WEAR:
T-shirt personalizzata/Personalised T-shirt: Vistaprint
Gonna/skirt: Asos
Giacca in eco pelle/Biker jacket: Asos
Scarpe a punta con tacco a spillo/Pointed stiletto heels: Sergio Amaranti
Occhiali da sole/Sunglasses: Dolce & Gabbana
Clutch DIY/DIY clutch: me

6 commenti

  1. Ma la clutch è frutto di un tuo progetto? Mi piace molto.dovresti psrlarne piu approfonditamente.
    Lalu
    http://Www.ilquadernodilalu.it

  2. Sì e mia mamma mi ha aiutata nella realizzazione di alcune sue parti, tipo le cuciture più "rognosette". Grazie del consiglio

  3. Come già detto a suo tempo la clutch é un'idea favolosa Arianna, e la T-shirt con questa gonnellina fiori di pesco mi piace tantissimo. La giacca poi definisce meravigliosamente l'intero outfit. Sempre super…

  4. Grazie mille!!! Avevo questa gonna nell'armadio da un po' di tempo, ma non riuscivo mai a trovare la maglia con cui abbinarla, sia in termini di colore che di taglio. Poi ho optato per un qualcosa di classico e intramontabile ed ecco sbucare la T-shirt!!! Grazie di cuore <3

  5. la clutch è favolosa come fai a dire che è imperfetta? Sei bellissima gioia :*
    Kisses darling
    Bellezza pour femme – fashion blog di Marzia Amaranto

  6. Diciamo che in alcune parti non è perfettissima, ma è la mia piccola creazione 😍

Grazie in anticipo per il tuo commento <3